Montare e dipingere una scialuppa MHW

Salve a tutti.

Presentiamo la prima scialuppa d’alto mare della nuova “flotta” di barche Manorhouse Workshop.

Con l’aiuto di Michele Bottalico (creatore delle barche) vediamo come assemblarne una velocemente.

mentre io vi spiegherò come dipingerla altrettanto velocemnte.

Vediamo da cosa è composto il kit: MHW Boat 0001

Il kit è composto dallo scafo in resina, 1 base di supporto dell’albero in resina, 2 bastoncini in legno per creare l’albero e il bompresso, 2 pennoni in resina.

Nella foto vedete già lo scafo dipinto con una mano di Marrone scuro.

Con un minitrapano a mano andate a forare la cima dell’albero maestro.

Nel buco fatto in cima all’abero andate a infilare uno stuzzicadenti tagliato a metà, lascando fuori la parte appuntita.

Incollate pure il puntale ma non il supporto in resina alla base dell’albero.

Incolliamo anche i 2 pennoni, il più lungo sotto e il più corto sopra.

Prepariamo anche il bompresso di prua: come per l’albero maestro, bucate un’estremita e infilate un pezzetto di stuzzicadente, questa volta non la parte appuntita. Dopo di che sfregando l’altra estremita su un foglio di carta a vetro, andate a formare una parte rastremata che servirà di appoggio al bompresso sul ponte di prua della barca.

Incollato il bompresso a prua andiamo a incollare anche l’albero maestro. Lo incolliamo con i pennoni leggermente spostati a destra o a sinistra rispetto all’asse dello scafo. Questo servirà a dare più dinamismo al modello nel caso si volessero montare anche le vele.

Passiamo ad “armare” la barca: sempre con un minitrapano a mano fate 2 buchi da entrambi i lati dello scafo, più un buco sulla chiglia a qualche millimetro della base della stessa.

Prendete dei chiodi e tagliate via con una tenaglia le teste. (attenzione nel tagliare i chiodi, potrebbero schizzare e colpire voi o altri attorno a voi) Una volta tagliate le teste dei chiodi, incollatele nei fori realizzati, come vedete in foto.

A questo punto date una mano di marrone scuro a tutte le parti non ancora colorate.

Passiamo ora a dipingere la barca: versiamo su un piatto del marrone scuro, del cuoio rosso, dell’arancione chiaro.

Pescando con il pennello un pò di colore da tutti e 3 i colori versati, passiamo velocemente sul piano il pennello per togliere l’eccesso di colore, dopo di che  passiamo in maniera leggera il pennello in maniera inregolare sul tutto il modello. fondendo il più possibile i colori tra di loro, non è un vero e proprio pennello a secco.

Aggiungiamo altri 2 colori ai primi 3: Ocra e Giallo dorato.

Procediamo come per i primi 3 colori passiamo il pennello non totalmente asciutto. quando saremo soddisfatti del risultato ottenuto, passeremo a collocare il sartiame.

Con un filo per modellismo navale, meglio se spesso e scuro andiamo a formare una sorta di semplice sartiame. Come vedete senza tagliare il filo lo si può far passare utilizzando le teste dei chiodi e la punta dell’albero.

Il risultato finale è semplice e piacevole. Potremmo anche terminare qui il tutorial…

ma preferisco dare anche un lavaggio di china color seppia.

Una volta ben secca la china, prendiamo dell’ocra, del beige, del sabbia chiara. Questa volta a pennello a secco andiamo di colore in colore a spazzolare in maniera leggera tutto il modello compreso il sartiame.

Il risultato lo potete vedere nelle ultime 2 foto.

Sotto trovate il PDF per scaricare e ritagliare le vele per questa barca. Potete usare semplice carta o realizzarle con tessuto leggero cucendone a macchina i bordi.

Vele per scialuppa

La barca completa di accessori e miniature della Rackham (28-32 cm.), rende l’idea del carico che può sostenere.

le dimensioni dello scafo senza bompresso, sono attorno ai 20 cm., può caricare fino a 8 miniature con basetta da 2 cm. oppure 6 con basetta da 2,5 cm.

alla prossima, Lorenzo “Maniachouse” Marchetto

3 Responses to Montare e dipingere una scialuppa MHW

  1. Capochino says:

    Ottimo tutorial Lorenzo.
    Soprattutto la colorazione.
    Questa sorta di chiatta è proprio quello che ci voleva per arricchire le nostre sessioni di Gdr.
    Complimenti
    Capochino 😉

    Like

  2. Pingback: Stanza medievale (sesta parte) «

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: